Le Basi B.1 e B.2 nascono come complementi alla carne, e sono quindi formulate per contenere tutti i nutrienti e micronutrienti mancanti alla carne.

Il pesce, sia bianco che azzurro, è particolarmente ricco di alcuni micronutrienti presenti in minor quantità nelle carni. Ne deriva che usare sistematicamente il pesce insieme alla B.A.S.E. B.1 o B.2 potrebbe nel medio periodo portare degli eccessi in alcuni micronutrienti.

Per questo sconsigliamo di offrire il pesce da solo con la B.1 o la B.2 a lungo. Questo finchè non avremo pensato anche ad una B.A.S.E. per il pesce !

Varianti settimanali con il pesce invece si possono tranquillamente offrire.

Ad esempio una/due volte la settimana potrete sostituire parte (in pari quantità) o tutta la carne con il pesce. Se volete usare pesce bianco (merluzzo, nasello, platessa, halibut) potete considerare le quantità indicate per la dieta B.A.S.E. con le carni bianche, e quindi con l’integrazione di olii/grasso (il pesce bianco è molto magro). Se invece preferite offrire al vostro cane salmone pesce azzurro (sardine, sgombro) potete utilizzare come riferimento la tabella delle quantità del manzo (è più grasso del pesce bianco). Quanto alla preparazione consigliamo un passaggio in padella, come per le carni di pollo o tacchino. Le sardine date le dimensioni sono laboriose da pulire e deliscare bene. Il consiglio in questo caso è quello di tagliarle in pezzetti, almeno finchè non avrete verificato che il cane le mastica o non gli danno fastidio.

Almeno la prima volta che offrite il pasto con B.A.S.E. e pesce non sostituite completamente la carne, ma magari fate metà carne e metà pesce, da lasciare all’organismo del cane il tempo di scoprire questo nuovo alimento e da verificarne la risposta. Se è tutto ok potrete decidere se mantenere queste varianti settimanali miste tra carne e pesce o solo con il pesce.

 

La dieta con la Base dal punto di vista digestivo è sicuramente più simile ad una dieta casalinga che ad un estruso (crocchette).

Quindi “si”, può essere alternata alla casalinga MA il consiglio è quello comunque di offrire una dieta casalinga formulata con metodo e competenze. La risposta del cane a questa dieta alternativa andrebbe verificata comunque prima di andare in ferie per evitare inconvenienti o reazioni inaspettate fuori casa.

Certo che si possono usare, noi consigliamo anzi di variarle ciclicamente (previa verifica della tollerabilità per il vostro cane). Tra le carni rosse si possono usare anche cavallo, pecora o maiale, oppure carni bianche come pollo e tacchino.

A parità di B.A.S.E. però le quantità di carne andranno aggiustate in considerazione dei diversi valori nutritivi, in particolare del minor contenuto di grasso delle carni bianche e del maiale. Il grasso sarà integrato aggiungendo alla ciotola olio di girasole o olio di cocco o grasso bovino fresco crudo, o un mix tra di loro. Noi consigliamo di aggiungere sempre insieme grassi diversi (ad esempio olio di cocco + olio di girasole) per variare l’apporto di acidi grassi e fornire una fonte rapida di energia per il cane.

Nella pagina della B.A.S.E. B.1 (o della B.2) potrete trovare le tabelle che indicano le quantità di carne e olii/grasso da considerare nel caso si utilizzino carni più magre tipo tacchino, pollo o maiale. Le quantità indicate si riferiscono sempre al PESO CRUDO, quindi se scottate la carne o la cuocete come nel caso del maiale, se la volete pesare cotta considerate che dovrete pesarne meno, in virtù delle perdite di acqua in cottura.

Normalmente sconsigliamo di alternare le carni giornalmente per non creare possibili fastidi all’intestino. Se si decide di alternare ad esempio il manzo con un’altra carne consigliamo di alternarli almeno settimanalmente (o comunque offrendo la stessa carne per almeno 4-5 giorni). Personalmente alterno manzo e tacchino con frequenza variabile (un po’ in base alla disponibilità del macellaio, un po’ in base a quando mi ricordo di ordinare il tacchino… ), indicativamente ogni paio di settimane. Alternativa è usare più proteine nello stesso pasto (posto che siano state prima testate da sole in termini di feci, pelle, pelo). Una volta che avrete testato la tollerabilità delle singole carni, queste potranno essere sostituite senza transizione.

Volendo fare comunque una rapida transizione potrete sostituire metà della carne attuale con metà della nuova carne che avete scelto, per 2-3 pasti per verificare la risposta intestinale e lasciare il tempo all’organismo del cane di adattarsi. Se, come succede di solito, sarà tutto ok, procederete a sostituire la restante parte di carne e ad aggiungere gli olii/grasso se previsti.

Se il vostro cane non ha esigenze/intolleranze particolari che vi obblighino ad utilizzare una particolare carne il consiglio è di iniziare con il manzo, per conoscere meglio il Vostro cane anche da questo punto di vista e osservarne la risposta, e quindi pensare ad offrirne altre.

Se avete dubbi chiedete o scriveteci una mail

No, è possibile anche usare brodi, meglio comunque se naturali e diluiti con acqua e con modeste quantità di grasso.

La quantità di acqua o brodo dipendono dalla consistenza preferita dal cane o da esigenze particolari, come favorire l’assunzione di acqua in cani anziani o che bevono poco o soggetti alla formazione di sedimenti urinari.

La B.A.S.E. non ha bisogno di acqua calda o riscaldamento per essere offerta al cane. Se preferite (voi o il vostro cane) potete utilizzare acqua o brodo tiepidi (non caldi) per stemperare il pasto. In ogni caso la ciotola va offerta al massimo tiepido, mai caldo, per evitare che si scottino.